È grave? Intendi l’accento o l’errore?

L’errore di ortografia che incontro spesso nei testi che revisiono e che andrebbe assolutamente evitato, perlomeno da parte di un amante della lingua italiana.

Errore di accento - Blog

L’errore di cui sto per scrivere potrebbe sembrare un’esagerazione per chiunque non abbia un cuore da linguista e non tenga tanto alla forma quanto alla sostanza. Oppure potrebbe apparire un’ovvietà per chi ha l’occhio allenato del revisore di bozza e il sito dell’Accademia della Crusca tra i preferiti.

 

Dopo anni di revisioni e riletture, ogni volta che il mio occhi cade su qualcosa che non quadra, invia in automatico un messaggio di allerta al cervello.

Se mentre leggo l’occhio vede ‘perchè’ … si blocca immediatamente e non riesce più ad andare avanti. Entra in uno stato di allerta…

 

‘Perchè?’ Assolutamente no! Dovrebbe essere ‘perché’ con un accento acuto sulla e. Così come per tutti i composti di che, come affinché, benché…

 

Forse sono rimasta traumatizzata da quella volta in cui, durante un corso di traduzione letteraria alla Sorbona di Parigi, in un lontano luglio del 1988 (che a me sembrava piuttosto un ottobre, viste le temperature), la mia compagna di banco fu umiliata dal professore che fece una vera e propria scenata ‘esagerata’ (questa era stata la mia percezione all’epoca) perché aveva pronunciato pésca (= dal verbo pescare) come pèsca (= il frutto del pesco), ossia aveva tenuto la vocale troppo aperta. Mi ricordo che abbiamo scherzato e riso su questa finezza all’infinito, da un lato per superare lo choc e dall’altro per scaricare il disappunto prendendo in giro il professore.

Ironia della sorte, oggi mi ritrovo a essere dalla parte del professore e capisco il perché di quei 10 minuti di rimprovero per un piccolo accento male inclinato.

 

Da linguisti abbiamo il dovere di proteggere l’integrità della lingua italiana.

 

A proposito, la e verbo vuole l’accento grave, ossia è, e non quello acuto, vedi é, e tantomeno un apostrofo e’. E questo vale anche quando è nella sua forma maiuscola. Si dovrà inserire È e assolutamente non É e tantomeno E’.

 

Per oggi direi che può bastare.

Alla prossima revisione!

Leave a comment:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Top